ANALISI PREVENTIVE

a cura del Professor Osvaldo Sponzilli

Ospedale san Pietro FBF Roma contatto 360350583

Il test AidNA

 

I Medici hanno oggi a disposizione uno strumento diagnostico sofisticato in grado di comunicare informazioni molto importanti sia per le persone sane, decise a mantenere elevato il loro standard qualitativo di vita, sia per le persone malate, decise a scoprire alcune possibili cause di malattie e disfunzioni. Uno strumento che integra i normali esami clinici, e permette di incrementare la precisione della diagnostica medica e di comprendere le caratteristiche uniche di un paziente.

Uno strumento per imparare a conoscersi: il test AidNA
il test del DNA è un esame semplice, veloce e non invasivo
poco meno di 3 minuti per raccogliere un campione di saliva
poco più di 3 settimane per ricevere un referto medico specialistico

A chi è rivolto il test AIDNA?
A tutti, specialmente a coloro che hanno a cuore la loro salute ed in particolare:
• Alle persone sane, che vogliono imparare a conoscere il proprio corpo con l’obiettivo di mantene- 
re intatto il proprio stato di salute e di prevenire eventuali problematiche
• Alle persone malate, per comprendere alcune delle possibili cause genomiche responsabili del 
loro stato patologico
• Agli atleti, agonisti e amatoriali, determinati nel raggiungere il loro “optimum” biologico, aumen- 
tare le prestazioni e ridurre l’incidenza degli infortuni (nonché il recupero) 

Che tipo di informazioni ottengo con il test AIDNA? 

Un referto medico specialistico relativo ad un’analisi diagnostica innovativa contenente cinque prin- cipali categorie di informazioni:

1.Approfondimenti diagnostici(esami clinici per la valutazione dello stato di salute)

2. Indicazioni su alimenti consigliati/da evitare 

3. Indicazioni su attività,comportamenti estili di vita

4. Indicazioni sull’integrazione alimentare (principiattivi)

5. Trattamenti e terapie consigliati in accordo al proprio medico curante

Perché scegliere un test AIDNA? 

I test AIDNA non sono paragonabili ad alcuno dei servizi di genomica presenti sul mercato nazionale e internazionale per le seguenti unicità:

• Numerosità dei geni analizzati (fino a 150)
• Marcatori genetici selezionati da un team internazionale di specialisti 

• Referto medico personalizzato compilato da un Genetista Medico

• Algoritmi statistici multivariati per aumentare il potere previsionale
• Accuratezza e riproducibilità garantite dai protocolli 

• Procedure a norma di legge e in base alla normativa vigente

 

Analisi tratto gastrointestinale (FGI+)


Una gamma di test diagnostici dedicati al tratto gastrointestinale sede dell’attività digestiva, fondamentale struttura preposta alla risposta immunologica ed importante distretto dell’organismo umano per integrazione neurovegetativa.
Numerosi e complessi processi biochimici avvengono nel tratto gastrointestinale che si interfacciano con l’organismo ospite influenzandone il funzionamento in termini di sistema PNEI (psiconeuroendrocrinoimmunologico), di funzionalità d’organo (cuore, fegato, reni…) e di energia vitale.
Le sessanta tonnellate di cibo che attraversano il tratto gastrointestinale nel corso della vita media di un individuo, mettono a dura prova il sistema che viene a contatto ogni giorno con una moltitudine di sostanze potenzialmente pericolose: batteri, virus, parassiti e tossine.
La flora batterica residente e gli enzimi endogeni sono una vera e propria barriera microbico-intestinale capace di scomporre il bolo alimentare in parti sempre più piccole e facilmente veicolabili nel torrente ematico. La funzione del sistema digerente è di preparare il cibo, per l’assorbimento, produrre metaboliti utili, eliminare le scorie non assimilabili e generare immunotolleranza.
Tutte queste funzioni sono preservate dalla salute della struttura delle mucose gastrointestinali. L’alterazione di esse può portare infatti ad innumerevoli problematiche di tipo infiammatorio o immunitario.
L’attività enzimatica endogena, sempre più impegnata a fornire enzimi non più apportati dagli alimenti troppo cotti o svuotati da sistemi di coltivazione inappropriati, risulta spesso non sufficiente. Il risultato è una sottrazione di micronutrienti fondamentali per una buona salute e un indebolimento di tutto l’organismo che oltre a non poter attingere a detti micronutrienti non ha a disposizione gli enzimi per altre funzioni vitali.

I Medici hanno oggi a disposizione uno strumento diagnostico sofisticato in grado di comunicare informazioni molto importanti sia per le persone sane, decise a mantenere elevato il loro standard qualitativo di vita, sia per le persone malate, decise a scoprire alcune possibili cause di malattie e disfunzioni. Uno strumento che integra i normali esami clinici, e permette di incrementare la precisione della diagnostica medica e di comprendere le caratteristiche uniche di un paziente.

Uno strumento per imparare a conoscersi: il test AidNA
il test del DNA è un esame semplice, veloce e non invasivo
poco meno di 3 minuti per raccogliere un campione di saliva
poco più di 3 settimane per ricevere un referto medico specialistico

A chi è rivolto il test AIDNA?
A tutti, specialmente a coloro che hanno a cuore la loro salute ed in particolare:
• Alle persone sane, che vogliono imparare a conoscere il proprio corpo con l’obiettivo di mantene- 
re intatto il proprio stato di salute e di prevenire eventuali problematiche
• Alle persone malate, per comprendere alcune delle possibili cause genomiche responsabili del 
loro stato patologico
• Agli atleti, agonisti e amatoriali, determinati nel raggiungere il loro “optimum” biologico, aumen- 
tare le prestazioni e ridurre l’incidenza degli infortuni (nonché il recupero) 

Che tipo di informazioni ottengo con il test AIDNA? 

Un referto medico specialistico relativo ad un’analisi diagnostica innovativa contenente cinque prin- cipali categorie di informazioni:

1.Approfondimenti diagnostici(esami clinici per la valutazione dello stato di salute)

2. Indicazioni su alimenti consigliati/da evitare 

3. Indicazioni su attività,comportamenti estili di vita

4. Indicazioni sull’integrazione alimentare (principiattivi)

5. Trattamenti e terapie consigliati in accordo al proprio medico curante

Perché scegliere un test AIDNA? 

I test AIDNA non sono paragonabili ad alcuno dei servizi di genomica presenti sul mercato nazionale e internazionale per le seguenti unicità:

• Numerosità dei geni analizzati (fino a 150)
• Marcatori genetici selezionati da un team internazionale di specialisti 

• Referto medico personalizzato compilato da un Genetista Medico

• Algoritmi statistici multivariati per aumentare il potere previsionale
• Accuratezza e riproducibilità garantite dai protocolli 

• Procedure a norma di legge e in base alla normativa vigente

 

Analisi tratto gastrointestinale (FGI+)
Una gamma di test diagnostici dedicati al tratto gastrointestinale sede dell’attività digestiva, fondamentale struttura preposta alla risposta immunologica ed importante distretto dell’organismo umano per integrazione neurovegetativa.
Numerosi e complessi processi biochimici avvengono nel tratto gastrointestinale che si interfacciano con l’organismo ospite influenzandone il funzionamento in termini di sistema PNEI (psiconeuroendrocrinoimmunologico), di funzionalità d’organo (cuore, fegato, reni…) e di energia vitale.
Le sessanta tonnellate di cibo che attraversano il tratto gastrointestinale nel corso della vita media di un individuo, mettono a dura prova il sistema che viene a contatto ogni giorno con una moltitudine di sostanze potenzialmente pericolose: batteri, virus, parassiti e tossine.
La flora batterica residente e gli enzimi endogeni sono una vera e propria barriera microbico-intestinale capace di scomporre il bolo alimentare in parti sempre più piccole e facilmente veicolabili nel torrente ematico. La funzione del sistema digerente è di preparare il cibo, per l’assorbimento, produrre metaboliti utili, eliminare le scorie non assimilabili e generare immunotolleranza.
Tutte queste funzioni sono preservate dalla salute della struttura delle mucose gastrointestinali. L’alterazione di esse può portare infatti ad innumerevoli problematiche di tipo infiammatorio o immunitario.
L’attività enzimatica endogena, sempre più impegnata a fornire enzimi non più apportati dagli alimenti troppo cotti o svuotati da sistemi di coltivazione inappropriati, risulta spesso non sufficiente. Il risultato è una sottrazione di micronutrienti fondamentali per una buona salute e un indebolimento di tutto l’organismo che oltre a non poter attingere a detti micronutrienti non ha a disposizione gli enzimi per altre funzioni vitali.

 

per tutte le analisi preventive genetiche o intestinali contattare il prof. Sponzilli Ospedale San Pietro FBF Roma tel. 360350583